A che punto è la stampa 3D per la produzione?

I sistemi robotici: accuratezza, ripetibilità

Stratasys e la stampa 3D di strumenti

L’uso indiretto della stampa 3D può essere un ottimo modo per accelerare la produzione. Spesso le persone pensano solo allo stampaggio di parti, ma la stampa di maschere e stampi ha dimostrato una grande importanza nei mercati industriali. La tecnologia di stampaggio 3D composito, come FDM, offre un mezzo veloce ed economico per produrre strutture composite. Gli strumenti compositi FDM impiegano solo pochi giorni per essere prodotti invece di settimane o mesi ed evitano l’alto costo, la manodopera e i lunghi tempi di realizzazione della produzione di utensili tradizionale.

Gli utenti possono stampare stampi di plastica per il lay-up, stampare direttamente uno strumento o sfruttare i materiali di supporto solubili FDM per semplificare la produzione di configurazioni di strumenti cavi e di maschere. Il materiale dell’utensile si dissolve in una soluzione detergente, lasciando solo la parte composita polimerizzata e consentendo disegni monopezzo senza cuciture. Lo ha dimostrato al JEC World Stratasys, presentando le ultime innovazioni di stampa 3D per la produzione di compositi.

Gli ingegneri stanno vedendo che un materiale come FDM Nylon 12CF può sostituire le parti metalliche tradizionali con compositi plastici stampati in 3D. Questo materiale termoplastico, rinforzato con fibra di carbonio, contiene il 35% di fibra di carbonio tritata e con una resistenza alla trazione superiore ai 40 kN è abbastanza forte da sostituire il metallo. L’elevato rapporto rigidità / peso di FDM Nylon 12CF è ideale per le prove di prestazioni funzionali richieste nei settori automobilistico, aerospaziale, ricreativo e industriale.

Ultimaker

Ultimaker viene spesso cosiderata come una stampante hobbistica. Tuttavia, come per Stratasys, l’industria utilizza queste stampanti per utensili, maschere e dettagli ergonomici. Un esempio di stampa 3D desktop utilizzata in larga scala oggi è quello di Volkswagen Autoeuropa, uno stabilimento VW in Portogallo che produce 100.000 auto all’anno ed è specializzato in innovazioni tecniche e nuovi modelli.

Utilizzando un gruppo di stampanti 3D desktop, lo stabilimento di produzione di VW ha prodotto 1.000 utensili nel 2016, tra cui calibri, maschere e attrezzature varie. La possibilità della stampa on-demand nello stabilimento, rispetto all’outsourcing, ha ridotto lo sviluppo degli utensili del 95% e ha fatto risparmiare il 90% dei costi di produzione.

Recentemente, l’offerta di di Ultimaker è stata selezionata da Airbus per la stampa 3D in Europa. Si prevede che il mercato della tecnologia di stampa 3D e dei materiali nell’aerospaziale aumenterà fino a 531,1 milioni di dollari entro il 2024. Dagli aiuti alla produzione e prototipi fino alle parti di utilizzo finale, le stampanti 3D desktop consentono a organizzazioni come Airbus e Royal Netherlands Airforce di innovare più velocemente e al contempo addestrare la forza lavoro per il futuro.

Ultimaker 3D printer